Genitori 2.0 – Diventare genitori nel 2019

Secondo gli ultimi studi effettuati dall’ISTAT l’età media per diventare genitori si è alzata notevolmente, negli ultimi anni.

Perché si fanno meno figli e più tardi?

Abbiamo parlato con alcuni neo genitori e con alcune coppie in attesa ed è emersa una costante piuttosto interessante.

Le coppie, quelle giovani, tendono a essere più timorose e titubanti, sono piene di dubbi e rimuginano molto prima di decidersi e quindi iniziare a cercare una gravidanza.

Su tutto questo sembra influire, indubbiamente, anche un altro fattore, lo scarso perdurare delle relazioni. Matrimoni brevi non danno spesso il tempo di arrivare a desiderare un figlio.

Ma parlando, invece, di cose belle… abbiamo chiesto alle nostre coppie di raccontare emozioni e timori dell’attesa e del post parto.

“Quando aspettavamo Bianca, passati i classici timori dei primi mesi, abbiamo iniziato a fantasticare, a sognare ad occhi aperti, non facevamo altro che immaginare come sarebbe stata fisicamente, da chi avrebbe preso gli occhi e da chi il carattere. Aspettavamo con ansia il giorno dell’ecografia mensile per sapere se stesse procedendo tutto per il meglio e per vederla.

Arrivato il gran giorno, ricordo gli occhi insieme emozionati e preoccupati di mio marito, ricordo il mio atteggiamento molto zen nell’affrontare le prime contrazioni e lo scemare di questo una volta partite quelle forti, ricordo il tocco e il supporto fondamentale di mio marito e poi, finalmente, il pianto di Bianca e la sua manina che mi ha stretto subito attorno a un dito. L’emozione più bella di tutta la nostra vita” dice Marta.

“Non è facile essere genitori oggigiorno. Questo mondo, la nostra società, diventano ogni giorno sempre più complessi e difficili e, soprattutto in Italia, ci ritroviamo ad essere chiusi mentalmente, nonostante continuiamo a promuovere libertà in molti settori. Crescere un figlio oggi significa essere coraggiosi e non avere paura di andare anche contro corrente, significa informarsi e diventare una sorta di enciclopedia ambulante, significa donare il proprio tempo e parte delle proprie energie verso una parte di te, tuo figlio. 

Sebbene si passino momenti anche difficili io e il mio compagno rifaremmo questa scelta altre volte perché il sorriso e la felicità del nostro Matteo sono la cosa più bella che ci sia” dice Carla.

Scegliere di mettere al mondo un figlio, oggi più che mai, significa prendersi la responsabilità di far sì che possa vivere una vita serena e felice. Non è una cosa da poco e forse proprio per questo molte coppie ci pensano parecchio tempo prima di decidersi. 

E’ vero però che la vita di per sé è una continua sfida, una continua scommessa e quindi i genitori diventano una sorta di eroi, che sfidano l’ignoto per amore.