I 5 libri da leggere in estate!

Goditi gli ultimi giorni di vacanza! I 5 libri da leggere.

Siete lettori accaniti durante tutto l’anno e non vedete l’ora di arrivare al mare per divorarvi libri su libri sotto l’ombrellone oppure non amate la lettura nemmeno nei momenti di relax?

A che gruppo appartenete?

Ecco i dati raccolti dall’Istat e sviluppati in un articolo del sito ilLibraio.it: dal rapporto emerge che la popolazione femminile mostra una maggiore inclinazione alla lettura già a partire dai 6 anni: complessivamente il 47,1% delle donne, contro il 34,5% dei uomini, ha letto almeno un libro nel corso dell’anno. Quanto alla quota più alta di lettori, si riscontra tra i ragazzi di 11-14 anni. Il 12,7% è un lettore “forte”, ossia legge almeno un libro al mese. Tra i lettori “forti” anche le persone da 55 anni in su, che mostrano le percentuali maggiori: 16,5% tra i 55 e i 64 anni e 17,4% tra gli over 65.

Persistono ampi divari territoriali, legge meno di una persona su tre nelle regioni del Sud (28,3%), quasi una su due in quelle del Nord-est (49,0%).

L’abitudine alla lettura si acquisisce (soprattutto) in famiglia. Tra i ragazzi di 11-14 anni legge l’80% di chi ha madre e padre lettori e solo il 39,8% di coloro che hanno entrambi i genitori non lettori.

Secondo l’opinione degli editori, i principali fattori che determinano la modesta propensione alla lettura nel nostro Paese sono il basso livello culturale della popolazione (42,6% delle risposte) e la mancanza di efficaci politiche scolastiche di educazione alla lettura (38,4%).

A distanza di due anni i dati rimangono pressoché simili.

La “scusa” più comune e frequente alla domanda: “Perché non leggi?” rimane sempre il tempo, la mancanza di tempo libero da dedicare a questa pratica.

Verrebbe da controbattere che in ferie, al mare o in montagna che sia, il tempo libero per rilassarsi non manca, e allora perché la gente legge così poco, anche in situazioni meno stressanti?

Spesso il problema risale nel fatto che non si è stati educati alla lettura da piccoli. E’ inoltre vero che quest’azione può piacere come no, ma in molti altri casi sono proprio i genitori a non incentivare i figli alla lettura, e ancor prima non hanno letto loro la favola della buona notte da piccoli. Sembra una sciocchezza ma la lettura fin dalla gravidanza è fondamentale per la crescita psico-emotiva del bambino.

Per quanto riguarda gli adulti più “restii”, in vacanza è consigliabile almeno una lettura, non per forza impegnativa, può anche essere molto leggera. Questa servirà ad aprire la mente e a coltivare un briciolo di fantasia, che anche in età adulta non guasta.